LETTERATURE COMPARATE – LETTERATURA COMPARATA – LETTERATURE COMPARATE

LETTERATURA COMPARATA – LETTERATURE COMPARATE – LETTERATURA COMPARATA

 

Lettera aperta al

Ministro dell’Istruzione e Ai Sig. Rettori delle Università Italiane (2006)

 

LETTERATURA  COMPARATA  O LETTERATURE  COMPARATE

 

 

Dai primordi di Goethe con il suo “Weltliterature”, un neologismo che letteralmente andava a significare “Letteratura del mondo”, alla 1° lezione accademica regolare a Marsiglia nel 1750 di “Letteratura Comparata”, si può dire che l’espressione del contenuto si sia mantenuta stabile sino alla fine del novecento. Qualche sparuta voce ha  suggerito fosse auspicabile cambiare il nome della disciplina in “Letterature Comparate”; autori minori per cui la “letteratura” significa letteratura e basta; non come in genere il mondo occidentale la significa, come oggetto culturale polisemico senza steccati artistici e spaziali. Sottolineiamo inoltre che la locuzione “letterature comparate” è una tautologia in quanto la marca “comparata” è connotata già come plurale in sé. In logica formale, eliminando le ripetizioni come rumore, resterebbe l’elisione del moncherino “Letterature”. O peggio comparazione di ciò che è già comparato! Ma come ottenere il materiale di base comparato?.

Eppure a disdoro delle migliaia di studiosi di LETTERATURA COMPARATA in tutto il mondo, in ossequio al d.m. 4/5/99 in Italia la disciplina ha l’improprio nome di “letterature comparate”[1].

Oltre le perplessità suesposte, in materia legislativa italiana, la questione si complica ulteriormente, perché le direttive comunitarie in tema di data base studi e ricerca, raccomandano la dicitura LETTERATURA COMPARATA[2] al fine di armonizzare nella UE non solo i data base ma studi e ricerche in vista di una sinergica azione soprattutto in tema di organizzazione e armonicità della propria capacità di elaborazione e conservazione di testi  in tutte le materie strategiche.

E allora la semi invenzione del nome della disciplina Letteratura Comparata in letterature comparate ci fa chiedere: ma noi questa Europa la vogliamo davvero o stiamo giocando a dir di si? Credo che i Rettori e il Ministro competente dovrebbero per primi darsi una risposta.

 

 

Home page: http://www.maroniusenea.it


 dal 14-06-00


Tutti i diritti riservati © 2006 Massimo Marongiu


[1] http://www.murst.it/atti/1999/dm0226C.htm. Elenco dei settori scientifico disciplinari… Ministero dell’Istruzione… Consiglio universitario Nazionale

[2] Provvedimento 31991H0337, _ 91/337/CEE. Gazzetta ufficiale n.L189 del 13-7-91 –    P. 1 – 34    Discipline, Punto H390